“Danzano le fiamme primitive
Frammenti di Vita nell’avvinghiante oscurità
Indistinte figure di uomini di ferro si levano
Tempo e spazio si dissolvono
Tutto è abisso, fuoco e antichi echi
Sussurri nel vuoto narrano di riti ancestrali
Un corno urla strozzato
Tutto ha inizio

vichingo_jarl_shetland_up_helly_aa

Le isole Shetland, un pugno di isolotti frontiera della Scozia più autentica, la luce dorata e vibrante dell’inverno, le imponenti onde che si infrangono sulle nere scogliere di Sumburgh ed Eshaness, i riti ancestrali di Yule che sanciscono la fine dell’inverno ed evocano una nuova primavera; un nuovo Sole. Vieni a vivere tutto questo nel mio nuovo ed esclusivo viaggio fotografico alle isole Shetland


Oggi le Shetland sono parte del Regno Unito, ma fino al 1472 sono appartenute alla Norvegia e per questo molte cose lì provengono dall’antico norreno e l’Up Helly Aa è una di queste. benché possa sembrare una tradizione antichissima il primo festival del fuoco ebbe luogo nel 1881, ma le sue origini si perdono nella notte dei tempi fondendosi ai riti ancestrali di Yule (indicativamente intorno al 24 dicembre) la fine dell’inverno e del buio con la promessa di un nuovo sole, di una nuova primavera.
L’arrivo della nuova luce è così importante nella tradizione vichinga e delle Shetland da festeggiare non uno, ma bensì 12 festival del fuoco in altrettante località diverse in tutto l’arcipelago. Ma il più importante e significativo è sicuramente quello che avremo il privilegio di vedere e fotografare a Lerwick, la capitale delle Shetland


l’Up Helly Aa è un evento molto vasto che richiede una preparazione che può durare anche due anni per realizzare, rigorosamente a mano, le armature, gli scudi, le asce, gli elmi e la “Galley” (la barca) che verrano utilizzate durante l’evento: tutto questo mantenendo il più stretto riserbo per poter stupire ancora di più la propria comunità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per gli abitanti delle Shetland è un privilegio poter far parte della squadra dello Jarl, l’unica che può utilizzare i costumi da vichingo e la sola ad avere il compito di organizzare e dare forma all’intero festival decidendo il tema dell’anno da rappresentare sulla barca e sugli indumenti.
L’Up Helly Aa può sembrare un avvento per turisti come ce ne sono migliaia in tutto il mondo, ma non è così: è realmente un evento di un importanza cruciale nella tradizione delle Shetland non solo livello culturale, ma anche sociale. Infatti la squadra e lo Jarl stesso visitano durante tutta la giornata del festival, scuole, centri anziani, disabili e attività commerciali particolari rimarcando e rinforzando il legame tra la popolazione di queste isole. Molti di questi “eventi a lato” sono chiusi al pubblico che non sia delle shetland ed è impossibile partecipare

Nel nostro viaggio avremo modo di seguire la squadra dello Jarl durante tutto il giorno partecipando alla sua processione mattutina che durerà dalle 7 fino alle 15 circa, alla parte pomeridiana ed infine al cuore di tutto l’Up Helly Aa: la processione serale

Le possibilità fotografiche saranno davvero infinite durante tutto l’arco della giornata così da poter avere materiale più che sufficiente per costruire un reportage di questo evento davvero unico nel suo genere

Questo slideshow richiede JavaScript.


Ma il nostro viaggio non si ferma di certo qui e passato l’Up Helly Aa (che sì dura 24 ore ma rimarrà nei vostri ricordi per tutta la vita) avremo modo di visitare molti luoghi naturali davvero incredibili nella meravigliosa cornice invernale scozzese. Luoghi come il faro di Sumburgh, St’Ninians Isle, Eshaness, Banna Minn, West Burra, Collafirth, Quendale, le aspre e dure scogliere di Fethaland, Dore Holm e molti altri spunti fotografici durante il tragitto sempre accompagnati da guide locali che condivideranno con noi un po’ della storia e della cultura delle Shetland

Inoltre se saremo fortunati potremo avere la possibilità di osservare e fotografare foche, lontre e avifauna come i gufi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E non dimentichiamoci che siamo nella Scozia del Nord in pieno inverno e questo significa…Aurore Boreali! Ok, ci serve tanta fortuna, ma non è affatto improbabile

Un viaggio per gli amanti dell’avventura e del vero Nord